Il viaggio cambia la vita e il lavoro

Il viaggio? Può cambiarci la vita e la carriera, essendo un’occasione più unica che rara per poter staccare la spina dalla nostra quotidianità, e per poter cambiare – in meglio – la nostra personalità e il proprio animo. A confermarlo è una recente analisi condotta da Booking.com su un campione di ben 15 mila partecipanti allo studio, provenienti da 20 Paesi del mondo. Con risultati che, come era lecito attendersi, sono davvero straordinari, e ci permettono di riflettere ancora una volta su quanto possa essere importante lasciarsi periodicamente andare a nuovi viaggi.

Nel dettaglio, dallo studio sembra emergere che l’emozione e la trepidazione che sono legati all’esperienza di viaggio possono conferire un impatto e un contributo sicuramente positivo sulla generazione di una migliore sensazione di sicurezza, contribuendo inoltre ad allargare i propri orizzonti e rendendoci persone di maggiore successo nella vita. Secondo Booking.com, in particolar modo, quasi due terzi (il 65 per cento) degli intervistati avrebbe affermato che fare una nuova esperienza di viaggio (da soli o in compagnia) avrebbe incrementato di molto la sicurezza di sé. Non solo: circa una persona su 10 (il 13 per cento) dichiara che la propria prima esperienza di viaggio ha avuto un ruolo decisivo nella propria scelta di cambiare lavoro o carriera, e un altro 13 per cento ha affermato di averla pensata allo stesso modo, ma in riferimento alla scelta di un nuovo partner. Infine, il 21 per cento degli intervistati ha affermato che il viaggio è stato l’impulso per prendere la decisione di trasferirsi in un posto nuovo.

Le risposte degli intervistati non finiscono tuttavia qui. Per alcuni, infatti, l’esperienza del primo viaggio è certamente paragonabile – emotivamente parlando – a quella del primo appuntamento (53 per cento), al primo lavoro (51 per cento), a una nuova amicizia (62 per cento), al primo bacio (36 per cento).

Infine, non manca un 21 per cento di intervistati che dichiara di amare i viaggi di volontariato, il 23 per cento che si dichiara vicino ai viaggi spirituali, il 39 per cento per i tour ecologici, il 44 per cento per i viaggi on the road…

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *